scatola nera auto vantaggi svantaggi privacy e assicurazioni

Scatola nera auto: vantaggi, svantaggi, privacy e Assicurazioni

condividi questo articolo su:

Scatola nera auto, un oggetto il cui nome incute un certo timore. E in effetti per black box, come la chiamano gli americani, si intende un dispositivo elettronico di cui sono noti gli input e gli output, ma di cui non si sa nulla rispetto al suo funzionamento interno. Tutti noi, però, abbiamo sentito parlare della scatola nera degli aerei e il principio di funzionamento nel caso automobilistico è lo stesso: registrare dati, conservarli e infine trasmetterli.

Quali dati registra la scatola nera auto?

La scatola nera auto non è altro che un EDR (Event Data Recorder) che registra determinati dati e parametri:

  • Localizzazione geografica dell’auto attraverso il GPS (Global Positioning System);
  • Percorrenza, tempi di marcia e tempi di sosta;
  • Chilometri percorsi sia in orario diurno che in orario notturno;
  • Chilometri percorsi su strade urbane, extraurbane e autostradali;
  • In caso di sinistro, data e luogo dell’incidente;
  • Tipo di incidente e ultima velocità rilevata;
  • Accelerazioni e decelerazioni grazie a un accelerometro;
  • Storico delle marce inserite e delle frenate;
  • Storico del regime di rotazione del motore;
  • Attivazione dei dispositivi di sicurezza presenti sull’autovettura.

La scatola nera auto non può essere disattivata e non è possibile manomettere i dati in essa registrati. Dati che sono inviati via satellite a un database che ha il compito di conservarli e di renderli disponibili all’occorrenza.

Scatola nera auto: UE vs Assicurazioni

Da diversi anni le Compagnie di Assicurazione, con il pretesto di contrastare le frodi assicurative, hanno iniziato ad applicare sconti sulla Polizza RCA (Responsabilità Civile Autoveicoli) ai clienti che intendono installare una scatola nera sul proprio autoveicolo. Un’iniziativa commerciale che comporta un primo problema: la presenza nei prossimi anni di due scatole nere nella stessa automobile i cui dati potrebbero essere discordanti.

Infatti, dal 6 luglio 2022 il Regolamento UE 2019/2144 impone l’obbligo per le Case Automobilistiche di omologare i nuovi modelli solo se con scatola nera auto integrata. Mentre dal 7 luglio 2024 la black box dovrà essere presente su tutte le auto di nuova immatricolazione.

Qui subentrano i diversi interessi dell’Unione Europea e delle Compagnie Assicurative. L’Unione Europea, a tutela del diritto alla privacy, ha stabilito che le scatola nera auto debba conservare solo alcuni dati relativi all’incidente, rendendoli disponibili esclusivamente alle Forze dell’Ordine. Solo le Autorità Competenti potranno accedere a tali dati per ricostruire le dinamiche del sinistro e individuare i responsabili. Le Assicurazioni, invece, vogliono avere questi dati per analizzare il reale comportamento alla guida degli assicurati e il loro stile di guida, così da profilare gli automobilisti.

Valore probatorio della scatola nera auto in caso di sinistro

Con la legge n. 124/2017 le Compagnie Assicurative hanno ottenuto, come spesso accade, una modifica all’art. 145 bis del codice delle assicurazioni private. Tale modifica ha di fatto sancito che, nei giudizi civili, le registrazioni e i dati della scatola nera auto formino piena prova nei confronti della parte contro la quale sono prodotti.

Questo significa che qualora i dati forniti dalla scatola nera auto durante il sinistro fossero in contrasto con le dichiarazioni dei conducenti (modulo CAI) o di un testimone, la legge sarebbe sempre a favore della black box. A questo punto la Compagnia Assicurativa rigetterebbe le richieste risarcitorie del danneggiato adducendo come pretesto la non conformità dei dati del dispositivo con quanto dichiarato. Chi intendesse provare fatti non registrati dalla scatola nera auto sarebbe così obbligato a provare una manomissione o il malfunzionamento della stessa durante il sinistro. Una prova diabolica in quanto purtroppo, per come è scritta la norma, quasi nessuno riuscirà a fornire questa dimostrazione. Infatti, non c’è possibilità di ricorrere né a testimonianze né a registrazioni di telecamere di videosorveglianza o di altri dispositivi elettronici.

La questione del valore probatorio della scatola nera auto è già da anni al vaglio della Corte Costituzionale che deve esprimersi sulla costituzionalità della norma. La legge, attualmente, esclude che vi possa essere un contraddittorio tra le parti, come invece impongono il principio del contraddittorio e il diritto di difesa (art. 111 e art. 24 della Costituzione). Conviene, quindi, svendere la nostra privacy e rischiare di non essere risarciti soltanto per ottenere uno sconto sul premio assicurativo annuale?

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo su :

Articolo precedente
Quando interviene il fondo di garanzia per le vittime della strada
Articolo successivo
Danno da mancato consenso informato: quando e come viene risarcito
TAG :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Richiedi una Consulenza

altri articoli…

Menu